Archivi categoria: generale

…sulle relazioni

Il genere se ci sono difficoltà nei rapporti col prossimo, a qualsiasi livello è assai utile mettersi nei panni degli altri per capire in che modo si reagirebbe alla stessa situazione.

(…)

Tutti gli esseri con cui viviamo: la famiglia, gli amici, i superiori, i maestri…. hanno qualità e difetti insieme: è così!

(…)

Qando ci paragoniamo ad altri dobbiamo apprezzare le loro qualità positive; quando ci guardiamo dovremmo cercare di riconoscere i nostri difetti e limitarli.

(…)

Le liti e le discussioni sono naturali, ma quando vengono affrontate con il principio di perdonare e dimenticare, tali relazioni sono destinate ad avere pace e prosperità

(…)

QUando si è realmente pazienti e tolleranti, il perdono giunge spontaneo.

(…)

Non permettere che il comportamento degli altri distrugga la tua pace interiore!

(..)

Non importa in quanti nemici ci si imbatta, non importa cosa loro facciano, non è importante chi siano. Nessuno di questi esiste indipendentemente dal nemico interiore. Finchè c’è attaccamento al “sè” ci sarà sempre anche “l’altro”. Nel momento in cui la mente è libera da questo, tutti i nemici sia interni che esterni scompariranno.

Lascia un commento

Archiviato in generale, parole di saggezza

Bagni di guarigione sotto le stelle dal 9 al 15 settembre .

rishistarSecondo  l’astrologia vedica e tibetana, c’è un gruppo di sette stelle, chiamate le stelle  ‘Rishi’ , che ‘appaiono’ una volta l’anno,  di solito a settembre. Quest’anno (secondo l’astrologia tibetana) le stelle Rishi saranno  visibili dal 9 al 15 Settembre.

Lama Dawa Rinpoche dice che, secondo la leggenda indù, queste stelle (chiamate Sapta Rishi – sette Rishi) erano  dei grandi saggi del passato, che, dopo la loro morte,  sollevatisi nei cieli, sono diventati queste stelle. Quando sono visibili nel cielo notturno, la loro luce è detto che abbia poteri di guarigione speciali in grado di trasformare tutta l’acqua in un nettare di guarigione. In genere, i medici tibetani e i guaritori mettono fuori dalle case dei secchi d’acqua  in questo periodo, quindi utilizzano questa acqua per fare i loro farmaci. Lama Dawa ricorda come Sua Santità Matrul Rinpoche – un grande medico tibetano – facesse bollire l’acqua fino a concentrarla, quindi utilizzava questa acqua per fare le pillole a base di erbe medicinali, o anche consacrava l’acqua con mantra di guarigione.

Un altro modo di beneficiare di questa acqua curativa è quello di fare il bagno in piscine, stagni o fiumi in questo periodo. Oppure, raccogliere l’acqua in secchi e usarla per bagnarsi. L’acqua – che si tratti di oceano, fiume, torrente, o l’acqua nelle piscine, è intrisa con le qualità curative delle stelle. Questa acqua può essere usata per fare tinture di guarigione, o da abbeverare animali domestici e annaffiare le piante.  Anche l’acqua nel nostro corpo può essere ‘benedetta’ e purificata da questa speciale energia di guarigione, esponendo il  corpo al cielo notturno, quando le stelle sono visibili. Si tratta di un momento particolarmente propizio per fare pratiche come il mantra Vajra Armor, che viene utilizzato per consacrare l’acqua, o il mantra del Buddha della medicina  e offrendo delle puje.

orsa maggioreL’Astrologo occidentale, Terry Nazon, ha dato questa informazioni sulle stelle Rishi:
Sono le stelle fisse dell’Orsa Maggiore, il Grande Carro. Sono sempre visibili … ma in quel periodo di settembre quando le costellazioni tra la fine del Leone e l’inizio della Vergine si trovano proprio sopra di noi nel cielo notturno … anche queste stelle Rishi sono più vicine e visibili sopra di noi alla nostra destra.  Se si desidera “ricaricare” ​​l’ acqua, abbiate cura di metterla  dove possa ricevere la massima esposizione. Per esempio fate attenzione che nel vostro giardino non ci sia un albero che blocca l’esposizione all’Orsa Maggiore … e ricordate, siamo fatti per il 60% di acqua e nell’antica Kabbalah, il testo raccomandava di bagnare noi stessi in questo  “pioggia
planetaria”  come loro l’hanno chiamata.


1 Commento

Archiviato in generale

Aiuti per il Nepal

#‎Terremoto‬ ‪#‎Kathmandu‬: per chi volesse dare un contributo economico per aiutare i bambini della Tashi Boarding School, ma gli aiuti andranno a vantaggio di tutti e non solo della scuola che si trova nel cuore della città, vi segnalo i riferimenti bancari. I bambini stanno bene ma dormono in un campo vicino alla scuola all’aperto e iniziano a mancare cibo e acqua. I bambini sono coraggiosi e aiutano anche le altre persone. La situazione è drammatica a Kathmandu. I primi aiuti economici alla scuola sono stati inviati stamattina, quindi arrivano e sono utili.

Ecco i dati per fare il bonifico per quello che potete fare.

Intestatario: Associazione Culturale Tibetana
Nome banca: Banca Popolare dell’Emilia Romagna
Modena Agenzia 4
IT 95 C 05387 12904 00000 1622455
Causale:Donazione /terremoto in Nepal

Gli aggiornamenti sulla situazione alla pagina facebook della scuola

https://www.facebook.com/tashiwelfarecenter?fref=nf

Lascia un commento

Archiviato in generale

All’ospedale Bellaria di Bologna si sperimenta la meditazione tibetana

La pratica meditativa Tong Len sarà testata su un gruppo di 80 pazienti del reparto di oncologia dell’Ospedale Bellaria di Bologna

La sperimentazione  partirà a febbraio e sarà condotta dall’equipe di Gioacchino Pagliaro, 58 anni, direttore del reparto di Psicologia clinica dell’ospedale Bellaria, che si occupa di meditazione da oltre vent’anni.

Verranno scelti 80 pazienti, a 40 dei quali,  mentre continuano il normale processo di cure,  sarà insegnata la pratica meditativa “Tong Len” (Il «Tong Len» -«Prendere e dare»- è un’antica pratica buddista utilizzata spesso anche come pratica per i malati terminali e non), mentre all’altra metà dei pazienti no, in modo da valutare le differenze.

Lo studio, a costo zero, durerà diversi mesi e, a distanza di tre e cinque anni, lo staff di medici analizzerà i pazienti per capire se ci sono stati cambiamenti, sia miglioramenti fisici che psichici. Una misurazione, questa, che avverrà prima, dopo e durante il test.

Da sempre i monaci tibetani conoscono l’efficacia della meditazione sulla salute dell’uomo e anche la scienza, sempre di più,   ne sta oggi riconoscendo i suoi benefici e potenzialità.
Il Dalai Lama dal 1985  si incontra annualmente con neuroscienziati delle più prestigiose università del mondo, che ricercano e studiano gli effetti della meditazione sui monaci buddisti, con esami funzionali del cervello, pet e risonanza magnetica funzionale, applicate mentre meditano. L’ultimo testo sull’argomento si chiama Applicazioni cliniche della meditazione di Jon Kabat-Zinn e Richard Davidson, esperti in neuroscienze delle università del Wisconsin e del Massachusetts, che hanno studiato a lungo gli insegnamenti del Dalai Lama per capire come la meditazione influenzi il dolore, la salute e il benessere, e fino a che punto la nostra mente possa intervenire sulle malattie.
Nel libro Guarigione difinitiva , il potere della mente scritto da  Lama Zopa Rimpoche  ed edito da Chiaraluceedizioni, sono raccolte straordinarie storie di guarigione avvenute tramite questa pratica o altre pratiche specifiche di meditazione, capaci di mettere a frutto il grande potere curativo della mente.

La meditazione – spiega Daniela Palomba, docente di Psicofisiologia clinica all’Università di Padova – è una delle procedure di autoregolazione psicofisiologica, e può incidere sull’attivazione corporea, uno dei principali bersagli dello stress. Si è visto in diversi studi che durante la meditazione si creano determinati stati nell’encefalogramma, con prevalenza di onde alfa, tipiche dello stato di riposo. Inoltre, si mettono in equilibrio i rami simpatico e parasimpatico del sistema nervoso periferico, quello vegetativo che innerva cuore e sistema gastrointestinale. Questo equilibro garantisce la buona salute di questi organi. Allo stesso tempo, la respirazione lenta e profonda attiva il cervello e il sistema nervoso periferico in modo da predisporre l’organismo a reagire bene di fronte allo stress, o meglio, di fronte ad attivazioni emozionali, sforzi cognitivi, paura, nervosismo”.

 

Lascia un commento

Archiviato in generale, mantra

Bandierina tibetana per le calamità naturali suggerita dal 17° Karmapa

Anche se in ritardo, ci tengo a condividere  questa immagine perchè è un argomento che mi tocca molto da vicino… e che può essere di beneficio per  molti in questo particolare momento storico.

Questa immagine è un disegno dal diciasettesimo Karmapa, adatta ad essere stampata e messa fuori dalle porte o finestre, o semplicemente appesa al muro. Oppure può essere riprodotta come bandierina.

Si dice che possa essere particolarmente di beneficio per  i terremoti, frane, eruzioni vulcaniche e altre calamità naturali.

Lascia un commento

Archiviato in generale